Oggi è sabato 1 Ottobre - 2022

Elezioni, Amato (Omceo): “Questione Medica assente da programmi e dibattiti”

giovedì 18 Agosto - 2022 | di Omceo Palermo | Categorie: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Palermo

“C’è una ‘questione medica’ grave che riguarda le condizioni professionali dei medici del servizio sanitario pubblico, che nonostante si vada impoverendo sempre di più è assente dai programmi e dibattiti elettorali”. E’ il richiamo ai leader politici del presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato, consigliere della Fnomceo, perché inseriscano nella loro agenda il tema dell’inadeguatezza degli organici del Servizio sanitario nazionale di medici dipendenti e convenzionati.

Villa Magnisi
Villa Magnisi

Il presidente dei medici ricorda le ultime stime: “I medici sono in pieno burnout. Tra pensionamenti e fuga dagli ospedali verso la sanità privata o l’estero, nel 2024 mancheranno 40 mila specialisti in tutto il Paese. A rischio non c’è solo la qualità dell’assistenza territoriale e ospedaliera, ma la sopravvivenza stessa di decine di pronto soccorso per mancanza di professionisti. A quel punto, i più fortunati si faranno curare nelle strutture private, chi non avrà la possibilità economica ingrasserà le liste di attesa. In Sicilia, dove il fabbisogno rispetto alle specialità è stato sempre sottostimato e i contratti annuali distribuiti a pioggia, l’ammanco secondo alcune proiezioni sarà di circa 2300 unità, soprattutto di medici dell’emergenza e pediatri”.

“Una pesante carenza che si aggiunge alla programmazione del Pnrr. Nel 2026 dovranno essere attivi ospedali e Case di Comunità, che non potranno certo operare senza medici e personale sanitario.
Serve una pianificazione a lungo termine, ma anche una soluzione ponte nell’immediato – sottolinea Amato – che potrebbe essere risolta impiegando gli specializzandi, soprattutto là dove la carenza di personale ha portato anche alla chiusura di interi reparti”.

Situazione analoga per i medici di famiglia. “Si prevedono oltre 35 mila pensionamenti entro il 2027 – prosegue il presidente -. Il Piano nazionale di ripresa e resilienza ha aggiunto 900 borse di studio in più per la formazione in medicina generale, ma che non potranno bastare per sostituire i medici che andranno via via in quiescenza”.

Toti Amato

“Serve mettere a sistema il fabbisogno rispetto al numero dei posti delle Scuole di specializzazione e del Corso di formazione specifica di medicina generale – conclude Amato -. Ma nell’attesa, è necessario formare le nuove leve per facilitare l’approccio alla professione con un impegno politico e legislativo che riconosca le attività didattiche professionalizzanti in grado di fornire ai giovani specializzandi le competenze necessarie per esercitare la professione”.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

venerdì 30 Settembre – 2022

Ugl salute: Antonio La Porta è il nuovo coordinatore provinciale di Palermo dei biologi

venerdì 30 Settembre – 2022

ilSicilia.it apre le porte ad aspiranti Grafici e Web Designer: come partecipare

venerdì 23 Settembre – 2022

Palermo, successo all’Ingrassia per un delicato intervento ad auricola sinistra su paziente 70enne

lunedì 19 Settembre – 2022

Asp Messina cerca direttori di struttura complessa: indetti quattro bandi